martedì 25 febbraio 2014

Imprevista evoluzione



Hai affondato il tuo cazzo, ed io non ero pronta a sentire la mia anima essere toccata dalla tua, volevo lui, soltanto lui, come strumento di piacere. Volevo usarlo a mio piacimento senza dover pagarne lo scotto, godere di quel piacere effimero che teneva lontano ogni dolore.
Non sapevo che il dolore stava proprio lì, nel non volere sentire oltre quell'orgasmo tutto teso soltanto a quell attimo.
Mi hai insegnato che il caffe va bevuto a sorsi. Mi hai insegnato che l'amore va lento..............io che o sono ferma paralizzata o corro troppo. Ho preso tutto e ho voluto tutto, e ne voglio  ancora, voglio te, voglio qualcuno che non sia io, ed è difficile perchè non so come si fà: mi hai presa per mano e mi hai trasportata nella vita, la nostra vita.
Tutta colpa del caffe e degli ormoni..................non sapevo.
(Madame Curieux)





Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...