lunedì 24 febbraio 2014

Madame et Monsieur Curieux




 Il caffè, come per tanti amanti clandestini, la parola in codice per un appuntamento fugace, con finale orgasmo reciproco. Questa però è una femmina consapevole, esigente e generosa, alla quale si dà tutto e si prende tutto; l'incontro di due corpi e due menti curiose, appunto.
Gli appuntamenti meritano il proprio tempo, si dilungano in interi pomeriggi: non ci siamo per nessuno.
Vino e The Doors, libero sfogo ai nostri sensi, ai nostri sogni, alle nostre più profonde perversioni, spogliati non solo dei vestiti. Interminabili pompe,vago in altri mondi, il mio cazzo sparisce nella sua bocca, le sue dita dilatano il mio ano. Seguono interminabili sessantanove, dove ricambio di lingua e le mie mani a sparire dentro la sua fica non senza dedicare qualche dito al secondo canale che intanto sento pulsare sempre più: i primi orgasmo sono vicini.
Gode da vera troia, come solo una vera femmina sà sentirsi tale, e come tale sà far sentire un uomo un vero maschio.
Tacchi alti, lingerie, collana di perle, scivolo alle sue spalle e con una mano affondo con forza il suo viso, ancora stravolto dall'ultimo ogasmo, sul lenzuolo, domino il panorama , godo dello spettacolo, apprezzo i due buchi aperti, per me. Affondo nella sua fica ed entro nel suo culo, gemiti di dolore e spinte verso di me, tocco il suo fondo, mi sembra di toccarle l'anima, lo sento, e lo sente anche lei.
Vengo abbondantemente sulla sua bocca mentre si regala un'ultimo orgasmo manuale.
 Tutto continua a colare i sopra i suoi seni. Bacio, un secondo bacio e sentirsi dire "...sono la tua puttana....". Mi sento un'uomo felice.
(Monsieur Curieux)


2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...